chi siamo
 
Statuto
 
Organi statutari
Presidente

Comitato esecutivo

Consiglio sindacale

Commissione elettorale

Commissione vigilanza

Consiglieri Rappresentanti di Area

Rappresentante soci in pensione
 
Regolamento elettorale
 
Segreteria
 
Mozione 2019
 
Iscriviti al Sindacato
Moduli iscrizione

Dati sul tesseramento
 
Assemblee
Assemblea 2019

Video lavori 2019

Trascrizione dei lavori 2019

Mozione 2019

Galleria fotografica lavori 2019

Assemblea 2018

Video lavori 2018

Trascrizione dei lavori 2018

Mozione 2018

Galleria fotografica lavori 2018

Assemblea 2017

Video lavori 2017

Trascrizione dei lavori 2017

Mozione 2017

Galleria fotografica lavori 2017

Assemblea 14 luglio 2016

Video lavori 14 luglio 2016

Trascrizione dei lavori 14 luglio 2016

Mozione 14 luglio 2016

Galleria fotografica lavori 14 luglio 2016

Assemblea 2016

Video lavori 2016

Trascrizione dei lavori 2016

Mozione 2016

Galleria fotografica lavori 2016

Assemblea 2015

Video lavori 2015

Trascrizione dei lavori 2015

Mozione 2015

Galleria fotografica lavori 2015

Assemblea 2014

Video lavori 2014

Trascrizione dei lavori 2014

Galleria fotografica lavori 2014

Relazione programmatica 2014

Relazione Presidente uscente 2014

Mozione 2014

Studio ISPI costi politica estera

Assemblea 2013

Video lavori 2013

Trascrizione dei lavori 2013

Galleria fotografica lavori 2013

Assemblea 2012

Relazione programmatica

Relazione presidente uscente

Mozione 2012

Trascrizione dei lavori

Archivio assemblee
 
Chi eravamo
Chi ci ha dato lustro

Atto costituzione

Verbale costituzione

"Solidarietà" (1946)
 
Foto
 
Video
 
 
Mozione 2015  Assemblee » Lavori 2015 » Mozione 2015
 

S.N.D.M.A.E.
ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI
Roma, 16 febbraio 2015

MOZIONE

L’Assemblea generale dei soci dà mandato al Consiglio di svolgere la sua azione lungo le seguenti linee prioritarie:

  1. Adoperarsi affinché venga rafforzata la centralità del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per tutto il complesso della proiezione esterna dell’Italia, ottimizzando l’impiego delle risorse disponibili, valorizzando tutte le professionalità della Farnesina, mettendo a sistema – sotto il coordinamento del MAECI - anche le risorse esterne e riconducendole in una cornice di coerenza di interessi e obbiettivi prioritari, incrementando i funzionari diplomatici assegnati fuori ruolo presso altri Ministeri e presso le Regioni, gli enti locali e le grandi imprese.

  2. Svolgere ogni opportuna azione di sensibilizzazione per evidenziare l’esigenza di investimenti aggiuntivi per assicurare servizi quantitativamente e qualitativamente adeguati alle sempre maggiori richieste e aspettative della nostra utenza: dal livello politico, all’operatore economico, al connazionale all’estero. In tale ottica, sensibilizzare l’Amministrazione ad indire regolarmente concorsi per tutte le figure professionali del Ministero.

  3. Sulla riforma dell’ISE in corso di attuazione, verificare il grado di sostenibilità e di equità del nuovo sistema una volta a regime, tenuto anche conto di fluttuazioni dei cambi che non possono essere risolte nel medio termine con la mera redistribuzione delle medesime risorse. Valutare contestualmente la convenienza di un sistema alternativo nel quale, a invarianza di spesa per un biennio, i percettori dell'ISE siano abilitati a fronteggiare gli interventi ed i maggiori oneri del servizio all'estero, previa delegificazione e secondo scelte autonome da concordare, settore per settore, con l'Amministrazione, nei modi e con gli strumenti giuridici appropriati. Sul Fondo di sede per la Promozione del Sistema Italia di recente istituzione al posto delle spese di rappresentanza, nel prendere atto della significativa innovazione che costituisce, vigilare affinché esso non si trasformi in un ulteriore eccessivo appesantimento burocratico per le sedi, favorendo contestualmente meccanismi di tempestiva riallocazione delle risorse in funzione della variabilità delle esigenze di promozione degli interessi nazionali. Garantire il necessario finanziamento del capitolo relativo ai contributi scolastici, nonché il pagamento integrale dei costi relativi ai trasferimenti.

  4. Per quanto concerne gli scorrimenti di carriera adoperarsi presso l’Amministrazione affinché venga integralmente applicato quanto previsto all’ultimo periodo dell’Art.101 del DPR 18/67, ovvero l’ampliamento dell’organico dei Consiglieri d’Ambasciata e comunque vengano individuati in generale meccanismi e procedure per favorire una progressione di carriera senza strozzature tali da creare pericolosa demotivazione nei funzionari.

  5. Chiedere all’Amministrazione di ampliare la formazione destinata a coloro che sono assegnati a incarichi consolari all’estero e al personale adibito alla contabilità e di istituire un’Unità specifica che possa fungere da centro studi e consulenza in materia contabile e di procurement. Studiare forme integrative di formazione per la carriera diplomatica, anche di stampo accademico. Investire nella formazione professionale del personale amministrativo del MAECI. Assicurare il pieno rispetto delle pari opportunità.

  6. Stimolare l’Amministrazione ad avviare una campagna di comunicazione  che valorizzi il ruolo e le responsabilità della diplomazia italiana e il contributo rilevante fornito alla sicurezza e al benessere del Paese.

  7. Continuare a seguire con la dovuta attenzione le questioni di diritto riguardanti i propri Soci.