notizie & comunicati
 
Comunicati e lettere
 
Ritagli di stampa
 
 
Comunicati e lettere  Comunicati e lettere
 

COMUNICATO STAMPA
29 luglio 2015

Il SNDMAE  - sindacato maggiormente rappresentativo dei diplomatici italiani  – ha accolto con soddisfazione le valutazioni lusinghiere espresse sul lavoro dei funzionari del Ministero degli Esteri dal Presidente della Repubblica Mattarella, dal Presidente del Consiglio Renzi e dal Ministro Gentiloni in occasione della XI Conferenza degli Ambasciatori svoltasi lunedì 27 e martedì 28 luglio alla Farnesina.

In particolare, il fatto che il premier Renzi abbia ammesso di aver superato i pregiudizi nutriti sui diplomatici, una volta fatta esperienza diretta della qualità dell'opera svolta dalla "nostra squadra", è un giusto riconoscimento al valore della diplomazia italiana e all'impegno profuso dai funzionari del MAECI.

Giustamente, il Presidente del Consiglio ha voluto ribadire come gli Ambasciatori non siano direttori commerciali del Paese, bensì abbiano una responsabilità di promozione del patrimonio di valori culturali e spirituali dell'Italia nel mondo. Così come sottolineato dal Presidente Mattarella e dal Ministro Gentiloni, la diplomazia italiana svolge un compito imprescindibile nei negoziati multilaterali, dimostrando abilità uniche nel "rammendare i conflitti" ed è spesso chiamata ad affrontare delicatissime questioni umane e di sicurezza. L'attività di promozione del made in Italy rimane comunque la principale occupazione, come dimostra un recente sondaggio condotto dal SNDMAE presso le sedi diplomatico-consolari all'estero, dei funzionari diplomatici.

Le parole del Presidente Mattarella e del Presidente Renzi si rivelano particolarmente significative in un momento di forte compressione delle risorse destinate alla politica estera italiana. E’ solo grazie alla dedizione e alla professionalità dei lavoratori della Farnesina che, in un contesto di risorse calanti, si riesce, fra mille difficoltà, a far fronte alla crescente richiesta di servizi da parte di connazionali e imprese, cui si aggiungono le molteplici sfide poste al nostro Paese dal mondo di oggi.

 

Roma, 29 luglio 2015